Archivi tag: sesso americano

filmico

Passi da gigante sono stati fatti nella cinematografia.

Dai tempi in cui i due attori si mettevano a letto, lei con fruscianti negligé, lui pigiamatissimo di raso (a rigoni) e capello che sembrava disegnato. Quando spegnevano la luce, zàc, s’accendeva il faro blu-tenue, che uno si chiedeva “ma come faranno a dormire, santo cielo? Dove stanno, in Finlandia nel periodo in cui il sole non tramonta mai veramente, ma tocca l’orizzonte e rimbalza su di nuovo?”.

Ora ci sono scene più verosimili, che so, partorienti che SUDANO o amanti che si impigliano nei vestiti frettolosamente lanciati in aria (ma notate bene come cascano perfettamente le scarpe -col tacco12- di lei: atterrano costantemente in pose artistiche che se uno ci mettesse un titolo accanto, non sfigurerebbero in un museo d’arte contemporanea)…

ma una cosa resiste indefessa. L’ho ri-notato prima, mentre facevo zapping durante un break tra una poppata ed un’altra. C’è un lui, c’è una lei. Americani, ovvio. Si BRAMANO lui bussa alla porta di lei che sorniona, fa MIAAAAAOOO e lo lascia entrare. Il tutto guardandosi come per dirsi “me te spolpo come una susina matura”.

Bene, nella scena successiva ovviamente trombano come ricci (ehm, come altro potevo dire?) MA…atténscion plìs! …cosa c’è tutto intorno, nella stanza?? CENTINAIA di candele accese, possibilmente del tipo con lo stoppino traditore, quello che ci metti un secolo ad accenderle e ti bruci le dita.

E mi chiedo sempre: un figaccione bussa, tu fai miao e poi?? TI METTI AD ACCENDERE CANDELE??

Siamo ancora lontani dalle camere da letto, signori america’.

😉

Annunci

27 commenti

Archiviato in mi salta in mente, Quotidianità?, Scemitudine, Televisione