Archivi tag: maternità

self-esteem and awareness

SMADONNO, FASE 1.

Ieri incontro una ragazza che conosco, mentre stavo fuori a scarrozzare Rachelina.

“E tu hai ricominciato a lavorare?”, le chiedo.

“Eh si, e meno male che mi hanno fatto uno straccio di contratto a tempo determinato…però rientro sempre tardi e lui lo vedo pochissimo” mi fa indicando il pacchettino-bimbino che le penzolava da quella specie di fascia-marsupio-tribale fichissima che molte mamme adottano adesso. ” Sai…” continua un po’ mesta e con l’occhione che si fa grande e lucido “mia madre mi racconta le cose  che fanno insieme. Ieri sera, per esempio, mi diceva che lui giocava col tappo del bidet e poi lei gli si avvicinava e gli dava un bacino…e che, sempre ieri, capendo il meccanismo si è sporto lui per baciarla…capisci? Lui si sporge per baciare LEI  e io non ci sono. Arrivo in tempo per fargli il bagnetto, dargli da mangiare e giocare quel po’…e poi deve andare a dormire…”.

“Ma scusa, ma non avresti le due ore di allattamento previste dalla legge?” pavento io, incoraggiante. “Sé, capirai…là già erano abituati che restavo fino alle 08,00…alle 09,00 di sera…e io manco gliel’ho chiesto di andarmene prima. Con la crisi hanno licenziato una part-time e una collaboratrice e io devo fare il lavoro di tre persone. Magari tra un paio di mesi glielo chiedo” (eh, ma tu questo diritto ce lo hai fino a Luglio…e quindi un paio di mesi DE CHE? E nessuno che faccia controlli, perchè se così fosse, porcaccia l’italiaccia, je farebbero un culo quadro a quelli là.)

SMADONNO, FASE 2.

Mio marito, stamattina. “…e quindi M (the mega boss) mi ha chiesto quand’è che lavorassi e io gli ho detto venerdì 1° Maggio” e io, cogitabonda, litigando coi collant e con il precario equilibrio: “eh, però che palle…è anticostituzionale proprio far lavorare il primo maggio… ma che diamine di festa dei lavoratori sarebbe? Capisco per le farmacie, gli ospedali, i settori legati alle prime necessità…” E lui, un po’ piccato, come se gli avessi detto una cosa tipo “tua mamma è brutta e cattiva” (si sa che gli ommini so’ sezibbòli agli attacchi alla propria mamma): “Embè che vuol dire? Che allora altri posti…che so…i musei, dovrebbero stare chiusi in un giorno di festa?”

(la risposta, caro marito libraio-workaholic, è SI, dovrebbero essere serrati, e voi dovreste stare col cartellino sulla serranda “mi dispiace ma avete tanti altri giorni pe’ passa’, mo’ ‘Guerra e Pace’ ti serve proprio oggi?”. Serrati come quegli unici due giorni in cui lo siete ADDIRITTURA voi (25 dicembre e 1°gennaio), che non sapete più cosa sia una domenica, una festa, un diritto alla vita privata, al seguire il minimo sindacale un figlio che cresce. Voi che non avete più le palle di scegliere anche ‘altro’, che avete paura che qualcuno vi rubi il posto, che accada l’imperscrutabile mentre siete andati in bagno, che vi piglia l’ansia ad ogni cosa che vi dicono di fare in più, perchè queste cose in più sono troppe, ma guai ad ammettere “hey ciccio, non je la fo’ e per farcela vuol dire che oltre le 20.000 ore a settimana che me sparo, me ne servirebbero ulteriori di straordinario e manco in quel modo je la farei e sarei sempre sotto scacco e al primo errore sarebbe chiaramente colpa mia” . E ancora voi, che leggendo queste righe fareste il vostro ghignetto saccente dicendo “ma che ne sai te, ma tu non ti rendi conto di come funziona. C’è la crisi/il buco dell’ozono/un’occasione da non perdere/i 40 che si avvicinano/Saturno in trigono con Urano/il mutuo/i miei colleghi che sennò come fanno eh-io-non-mi-posso fidare-di-nessuno-lo sai..ma che ne sai.”.

Oh si che lo so.

Ci sono passata. Poi mi sono fermata quell’attimo sufficiente a rimettere la mia dignità ed altri valori della vita ai loro legittimi posti. Ed ho perso delle cose. Ho dovuto scartare alcune possibilità di carriera e di “stima sociale”. E potevo scegliere di non farlo, allora. Non ero vittima di alcun mobbing allora, anzi. Ero fresca di aumento, di parole di stima e di nuove mansioni. Sempre di più, sempre meno vita privata).

Io-lo-so.

https://i1.wp.com/www.scott.k12.va.us/voc/Contest/esteem.jpg

24 commenti

Archiviato in "ma ci dica qualcosa di lei", Lavoro, Leggi e diritto, Quotidianità?, un'accettata

notizie sulla mia, de panza!!!!

Cominciano ritmi convulsi fatti di calzettine minuscole da lavare-stirare-mettere nelle buste di cellophane pronte per l’ospedale… Sto per entrare nell’ottavo mese e qui tocca tenersi pronte, che magari la pupa decide di esserci per festeggiare l’anniversario di matrimonio dei genitori, a Maggio…e chi lo può sapere.

Nel mentre graziose file chilometriche all’inps, dove nessun cartello ti avvisa che alle gestanti con panza ormai prossima allo sfòrno, sarebbe dedicato uno sportello “veloce”, dove ovviamente nessuno si sogna di dirti di passare avanti o cose simili. No No, prendi il num (95, per la cronaca) e ti metti ad aspettare, che il tabellone segna il 19. Poi entrare dentro e trovare uno pezzo di imbecille che ti dà informazioni sbagliate, ti fa compilare NUM.3 campi che mancavano alla sequela di documenti cartacei che presenti e nel far questo ti sbologna e si mette a seguire altre 3 tipe che ne avevano per mezz’ora e passa. In tutto ciò tu ci hai esso 1 minuto nettio a finire quelle due stronzate che ti mancavano e guardi attonita il DEMENTE che non ci pensa proprio a prendere la TUA di domanda, ma che continua con quelle venute dopo di te, non incinte, lasciandoti in piedi 20 minuti. (sempre per la cronaca, smadonnando alla fine mi sono seduta allo sportello accanto e la mia pratica è stata acquisita in minuti 3).

Oltre le amenità suddette direi che sto bene, tranne un week end di tregenda per tutta una serie di fantozzianità legate alla salute, poi risoltesi più o meno tutte…diciamo che per l’ultimo fastidio attendo un paio di giorni, a casa. Per il resto sembrava che avessi glucosio a gogò e che una infezioncina non se ne volesse andare. Falsi allarmi e un paio di buchi in più sulle braccia, ma va benissimo così.

Quello a cui mi devo abituare è che Alien si muove con minor frequenza e virulenza e CORE DE MAMMA sta subito a paventare chissà quali pericoli in agguato…heheheee.  Il peso (mio) continua ad essere per fortuna decisamente contenuto e quello (suo) invece ottimo ed abbondante…il doc dice che se continua così, la vitellina a Giugno supera i 3 chili e mezzo (aiuuuuuuuto! Ma le femmine non pesavano di meno??) 😉

All’ultima ecografia l’unica cosa distinguibile era il piedino…MA COME SO’ BELLI I PIEDI DEI BAMBINI, EHHH?? DITEMELO VOI?? Tutti in bocca come chewing gum, ecco cosaa!!!!

Uhmmm…

Ecco perchè è meglio che non mi dilunghi sulla panza-che-avanza!

In che stato ci si riduce? E manco è nata.

Vabbuò, buon lunedì…che dire? Mi andrò a guardare la Prova del Cuoco con la Clerici, così la frittata è fatta!

(rido!)

34 commenti

Archiviato in "ma ci dica qualcosa di lei", de gravidantia... & poi