Archivi tag: favole e filastrocche

e va bene, avete vinto voi! (hihii, come sfondare una porta aperta…)

Rachele:

  1. delle sue due mamme preferisce di gran lunga quella con gli occhiali.
  2. non ama poi molto che le si cantino canzoncine troppo infantili, soprattutto se si modifica la voce facendola diventare come quella di cip&ciop. Bisogna quindi che io mi impegni e intoni preferibilmente brani come “Natural Woman”. Il vibrato è gradito, il sorriso garantito.
  3. supponiamo pure con un certo margine di sicurezza, che la bimba diventerà mancina.
  4. la prima favola che le ho letto è stato l’intero librino di filastrocche noir scritto da Tim Burton. L’ha sentito in Inglese, sarà per questo che quando le parlo in questa lingua, ri-ride?
  5. Il talco sui suoi piedini, al momento, non è mai troppo. (pffffffffffffffffffffffff)
  6. è proprio una fimmena sconsiderata e scostumata: già da adesso UOMO batte DONNA 10 a 1, dove quel misero uno è rappresentato da mamma-tetta=latte.
  7. giudica la sua mucchina di pezza un ottimo surrogato al ciuccio, in primis le cornine e le orecchie.
  8. modula talmente tanti versi che temo le si dovrà mettere un tappo, quando inizierà a parlare per davvero.
  9. Ha deciso che il colore degli occhi non lo sceglierà mai. Continuerà a cambiare a seconda di come si sveglia al mattino. E ben ci sta.
  10. E’ la bambina piccinina della mammetta sua, è un tesorino, è da mozzichi, è stregolilla e puzzettona. Insomma. E’ mia.
Annunci

22 commenti

Archiviato in de gravidantia... & poi