Archivi tag: carote

manco il tempo di un singhiozzo

avevo appena riniziato a ripigliarmi lo spazio per cucinare, che mi si risucchia nel vortice dei doveri lavorativi.

UFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFFF

Allora io dico…anche se con poco tempo, qui non ci si può abbrutire con ‘pizza a casa in 5 minuti’ o con dei sofficini bruciati fuori e crudi dentro.

Eh!

Avevo fatto delle carote+patate (con rosmarino) al vapore e il giorno dopo non mi andava di rimangiarmele.

Allora ho tagliato a cubetti un petto di pollo, ho messo dell’olio evo in una padella, ci ho soffritto una cipolla bionda e ce l’ho rosolato dentro. Indi ho aggiunto carote e patate, aggiustato di sale, pepe e un po’ di chili e indi ho versato un goccio di latte… una bella spolveratona di curry mild ha finito il tutto. Lasciato cuocere un pochino a fuoco basso rigirando acciocchè si formasse quella deliziosa cremina di latte… e poi , via! In tavola.

La foto come sempre è fatta di corsa, di sera…ma c’ha ‘sta luce strana da apparizione mistica che..uhmmm…

pollo alla crema di latte e curry mild con verdure al vapore

Annunci

10 commenti

Archiviato in c'è post in cucina?

bistrattate carotine!

(era da un po’ che non mettevo un post-culinario…non è mica da me, eh!)

Le carote, poverelle, sono mangiate solo crude e molti schifano quelle cotte. In effetti la carote lesse non è che facciano impazzire nemmeno me, per quanto da piccola ricordo scorpacciate di quelle che risiedevano nel sughetto di pomodoro… carote piccantine

Allora per aggiungerle alla dieta ecco due metodi alternativi e molto semplici: nel caso sopra sono state sbollentate in acqua già tagliate a cilindretto, quindi fatte insaporire per almeno un’ora in un bel miscuglietto formato da: olio, sale, peperoncino a pezzetti, prezzemolo, origano ed uno spicchio d’aglio tagliato in due e poi tolto quando servirete in tavola. Facoltativo l’uso di un pochino d’aceto.

carote al vapore…queste invece sono state cotte al vapore. E uno dice “mbè? Che differenza c’è con quelle bollite??TANTA!

Innanzi tutto non si SPAPPARDELLANO e la consistenza rimane soda, croccantina… in più il sapore è completamente diverso: mantengono la loro dolcezza e il connubio con un filo di olio dal sapore “fragrante”, di quelli che sanno leggermente di “pomodoro verde” (avete presente?), un pochino di sale e generoso prezzemolo le rendono un contorno eccezionale sia d’estate che d’inverno, dove si possono gustare tiepide.

Credo che me ne farò mOOOOlte in questi giorni, anche perchè sono ormai una fan conclamata della vaporiera…ma questo magari lo scrivo nel prossimo post_cuciniero!

provatele, a zzzzia!

E buona domenica a tutti!

23 commenti

Archiviato in c'è post in cucina?