Archivi tag: cappuccino

ogni luogo ha il suo cappuccino.

EEEEEEEE mo’ mo’, ma che è ‘sta fretta? Guardate che noi casalinghe dell’ultima ora c’abbiamo i nostri tempi, chéttecredi?

Affermiamo quindi che una cosa, rispetto ‘all’altra vita’, non cambia: il punto fermo di un buon cappuccino. E’ grazie a lui se sono qui, diciamola tutta.

Mi aggiravo ciabattando sulla via del ritorno dopo aver accompagnato la puzzolilla al nido (si, è ricominciato ieri e per questi 3 giorni farà un orario corto corto, diciamo un due ore e mezza….SANTE per me. SAAAANTE) ed essere passata dal macellaio (chi ricorda il concetto di cambiare negozio e non pigliare tutto dagli scaffali di un supermercato? Io me l’ero dimenticato, così tanto pe’ dì) e vengo calamiticamente attratta dall’insegna già di suo è, per quanto mi riguarda, una promessa da panacea di tutti i mali: ‘Bar‘.

Temeraria, ordino un cappuccino. Ahò, è bbòno.

Posso quindi finalmente promulgare il fatto di essermi riappacificata col concetto di ‘fine delle vacanze’ ed essere pronta per tutta una serie di ritorni o, se piace pensarla così, di rigurgitini, come li peperoni a mezzanotte.

I’ll be back, intanto ecco qualche foto.

spiaggia de 'la tonnara' in corsica

corsica, rocher du lion...e laggiù la spiaggia di roccapina

23 commenti

Archiviato in mi salta in mente, viaggi con foto

certe cose non cambiano

Io comprendo che questa che sto per dare è una notizia del tutto irrilevante, ma qui c’è da interiorizzare un concetto fondamentale: l’impiegato medio si aggrappa a quelle poche certezze che ha dalla sua vita 09,00 – 18,00.

La perdita del mio cappuccinificio di fiducia, causa trasloco uffici, ha rappresentato un lutto che nella scala dei colletti bianchi sta almeno nella top-3.

Ebbene,

oggi, a quel Bar dell’angolo che schifavo un po’ causa essere un po’ troppo trendyno, ho ricevuto ‘sto dono dal cielo: un altro cappuccino degno di nota, con tanto di schiuma q.b. e spolverata di cacao on top.

A me, per essere un pochino più felice, questo aiuta.

🙂

19 commenti

Archiviato in "ma ci dica qualcosa di lei", Lavoro, Quotidianità?, Salute e benessere, Scemitudine

Tuttigiorni_Nel Paese Civile….(prolisso vomitìo-mi devo depurare)

…non si lasciano deiezioni canine sul marciapiedi

…non ci si accende la sigaretta mentre si è ancora nella stazione metro, andando verso l’uscita

…non si dà l’ultima tirata alla sigaretta sputando poi il fumo dentro all’autobus, magari in faccia a qualcuno

…ci si scansa almeno in parte, per non urtare i passanti

…non si pretende d’aver ragione perchè si è più anziani

…non si pretende di potere tutto perchè si è più giovani

…non si chiede al Paese che ti ospita di tollerare usi e costumi considerati maleducati o illegali

…non si chiede ad uno straniero di perdere la sua identità, di sentirsi di default di serie B, di accettare la maleducazione

…non si dice ‘eh ma con tutti i problemi che ci sono questa cosuccia qui che differenza fa’, perchè la fa

…non si lasciano i rubinetti aperti nei bar mentre si servono 100.000 clienti

…si fa la raccolta differenziata, perchè il ‘ah ma tanto poi la buttano tutta insieme’ voglio vedere chi l’ha verificata, da 5 anni a ‘sta parte

…se si ha il macchinone, non ci si comporta come se si viaggiasse su 2 ruote zigzagando, che se il 2 ruote poi lo becchi col suv, tu non ti fai niente. Lui, lo ammazzi.

…si ha rispetto per gli animali, si ha coscienza dell’impegno che comporta tenerli, si ha cuore nell’accudirli come esseri viventi e non imbecillità nell’abbandonarli come fossero pupazzi

…i patrioti non sono solo quelli di destra

…gli intellettuali non sono solo quelli di sinistra

…non si parla di ‘calo demografico’ se nel frattempo: 1) non ci sono asili nido per tutti 2) una madre dovrebbe toericamente lasciare il bambino a mesi-tre per decadenza termini astensione maternità 3) non si prevedono indennizzi degni di questo nome per i più bisognosi, aiuti ai datori di lavoro per gli asili aziendali, rassicurazioni concrete per le donne lavoratrici che si vedono ghettizzate perchè madri

…i preti pedofili vanno al gabbio e non in un’altra parrocchia

…non si deve conoscere DIO per fare un’analisi clinica in tempi che siano conformi all’umana decenza

…gli europarlamentari hanno un’altra formazione oltre alla dicitura ‘mangiafuoco’ e ‘partecipante reality show’

…ci si ricorda del passato, dei conflitti mondiali, dei perseguitati

…non si costringono i ‘cervelli’ ad emigrare

…i politici non prendono quel fottìo di soldi e non hanno tutti quei privilegi

…se i di cui sopra sono assenteisti e fanno passare leggi del cavolo, sono buttati fuori dal loro partito

…esiste la meritocrazia

…i call center non ti chiamano alle 21,00 per venderti servizi da 36 con scene di caccia

…si dice Buongiorno e Buonasera

…non ci sono le cose ‘scritte in piccolo’ nei contratti

…gli incentivi per la rottamazione delle macchine sono veri e sono ad hoc, mentre qui non ci ricordiamo più di quando non esistevano

…si sfruttano le energie alternative

…si assaggia prima di dire ‘non mi piace’

…la figura del Notaio non esiste

…si proteggono le peculiarità e le eccellenza locali

…si è altrettanto grati di trovare un Mc Donald ovunque, che se non ti piace per niente il cibo dell’altro paese almeno c’è una cosa che ha lo stesso sapore ovunque

…il cappuccino ha una sua ode appositamente composta :->

…si canticchia senza esser presi per scemi

…le bambine a 8 anni non vogliono fare le veline e non si atteggiano come 14enni

…le donne mantengono con fierezza alcune caratteristiche da noi occidentali considerate come femminili senza tema e gli uomini altrettanto

…un maschio di età media di anni 30 sa farsi da mangiare, sa cosa sia una lavatrice, non aspetta che sia la mamma (o la moglie) a stirargli le camicie

…le liste nei blog non possono superare un tot di unità, perchè sennò che palle.

E che palle!

18 commenti

Archiviato in "ma ci dica qualcosa di lei", Leggi e diritto, mi salta in mente, Popoli e politiche, Quotidianità?, Scemitudine, Società e costume

e ora sono già le 10 passate

'blues for a ghost' by *hotburrito2

sono le 9.17 ed ho già fatto molte cose fondamentali nella vita.

Che so

Annaffiare il pothos in bagno, che sta in un vaso, che a sua volta sta dentro un porta-vaso di corda appeso al soffitto. Ciò rientra nelle 5 cose più pericolose da fare al mattino prima del caffè nella prestigiosa classifica del Newsweek.

fare i disegnini col cucchiaino nella schiuma del cappuccino al bar

piantarmi su una riga di un articolo del giornale, rimanendoci 5 minuti, immobile

aver resistito-resistito-resistito all’aroma di cornetto/ciambella/bombolone/saccottino che si leva dall’androne del palazzo, reo d’esser troppo vicino alla presa d’aria che confina col fornetto del Bar

Tutto ciò già dovrebbe mettermi moooolto avanti con il mondo che mi circonda.

Ma pare tocchi lavorà.

Ingiusto, non trovi?

^___^

15 commenti

Archiviato in mi salta in mente