dreamin’

Non ricordare nemmeno più un sogno vorrà dire cosa? Che sono talmente brutti da essere cesoiati dal ‘conscio’ non appena sveglia? Che sono talmente insignificanti da assomigliare ad un tiggì di Studio Aperto? Che sono talmente particolari e dettagliati da essere visibili solo nello stato di trance onirico?

E in quest’ultimo caso, allora, che faccio? Sniffo funghetti allucinogeni?

si beve dalla tazza, eh?

Resta-il-resto che, al momento per l’umanità occidentale tutta, è un lungo e non riconosciuto lavoro casalingo, che si dipana tra computer lenti per ricerca nuovi posti di lavoro, occasionali visite/uscite con amiche in congedo maternità o con lavori flessibili (mai avuto il piacere), lunghe liste di cose da stirare-cucinare-mettere a posto-riparare. Chiaramente ‘on top’ c’è sempre la Rachelilla. Lei, quando è a casa, tollera pochissimo non essere al centro perenne del mondo di chiunque deambuli nei pressi. Ben contenta di avere riportato in auge la parola ‘schiavismo’, guarda la su’ mamma farsi spesso zerbino e credo stia sviluppando una perfidia che solo i bambini esercitano come solida corrente artistica.🙂

Detto cio’ ormai stiamo unpezzo avanti e:

  • la sponda del lettino è pronta a finire in soffitta
  • il pannolino è stato tolto quasi due mesi fa con ottimi risultati e non avendo più fatto pipì nemmeno di notte, presumo sia sulla via del non ritorno anche per le ore notturne. Ergo anche il fasciatoio è stato smontato ed è diventato ‘solo’ un mobiletto dove troneggiano paia e paia di scarpe da scegliere al mattino “Mamma, le scappe coi buchini no, vojo le COCCS” (le crocks)
  • le sue preferenze gastronomiche stanno sempre più virando su cose tipo ‘saRciccia con i fagioli’, ‘zucchine si, ma solo trifolate con la cipolletta’, ‘cioccolato oh yeah’ (prima era disgustata). Insomma, un palato fine e delicato come mammà.

Ringrazio d’avere la possibilità di vederla crescere, di seguire questi progressi incredibili che sta facendo, così, di corsa come tutti ci avevano paventato (“ti volti un attimo e vanno già alla materna e tu ti chiedi che fine hanno fatto tre interi anni”), ma parimenti non posso che augurarmi di riprendere a fare anche altro, per la salute finanziaria della famiglia, per la mia salute intellettiva e fisica (provate a stare mesi e mesi a casa e poi vorrete andare a lavorare in miniera, piuttosto😀 ), per diversificare le giornate ed avere quei contatti umani che ci fanno più ricchi e, vabbè pure, più incazzosi ma anche interattivi.

Come ho scritto da ‘altre parti’ Michela morde, piuttosto che demordere

 

16 commenti

Archiviato in "ma ci dica qualcosa di lei", de gravidantia... & poi, mi salta in mente, Quotidianità?

16 risposte a “dreamin’

  1. Non saprei,
    difficilmente io ricordo in modo dettagliato i miei sogni ed anche quando li ricordo certe volte ho come la sensazione che invece di ricordare stia inventando il sogno daccapo per riempire i buchi fra un brandello e l’altro.

    —Alex

    PS = come ho scritto “di la”: ma che bella!

  2. Ecco, continua a mordere e a non demordere. E soprattutto a fare prezioso tesoro dei momenti passati con Rachelilla. Come dire: anche una situazione brutta, può avere e regalare risvolti più che positivi.

  3. acc, io ricordo solo raramente i sogni e quando capita me li scrivo immediatamente .. solo che poi perdo i bigliettini !!!

  4. guarda…io mi ricordo i miei sogni quasi tutte le mattine…ma certe volte preferirei di no: delle cose cruente che metà basta (per controbilanciare quest’animo hem puro)
    per il fatto di non lavorare…ti capisco bene bene bene, ma ringrazia di avere la rachelilla, se no veramente sarebbe stata miniera…

  5. leucosia

    da brava napoletana, dopo aver sognato , mi gioco i numeri, perchè non si sa mai! e poi: hai ragione anch’io quando mi licenziai -diciamo così- ci misi parecchio ad abituarmi alla nuova condizione di casalinghitudine…però che tesoro di bimba che hai!

  6. ottima scelta il cioccolato🙂

  7. PamMcEaster

    i miei sogni, in passato piuttosto turpi, stanno lentamente virando al surreale… tra i più recenti, un amante che cambiava faccia e un ascensore di un palazzo che mi catapultava dentro una nave da crociera🙂 non sai che favola, quelle porte che si aprivano e si vedeva il mare…

  8. Mi astengo dall’interpretazio della assenza onirica, sappi comunque che se tegge er fisico, e ti metti a scriverli tutte le volte che ti ricordi, vengono su sempre più spesso. La questione non dipende dai sogni medesimi comunque – essi ci sono statti serena:)
    Per il resto solidarietà maxima nella ricerca lavorizia – vedrai andrà bene. Orco.

  9. Alex, quando si è creativi….😀

    Sofficina: sempre. Anche se, proprio in quanto ‘responsabile’ della vita altrui devo ahimè razionalizzare e tirare ‘nnanzi anche se temo saranno momenti duri. Ma je la faremOOOOO!

    Vale: prova coi post it sul frigo!!!!😀

    Zdora. he hooo he hooo andiamo a lavoràr lailà lallà lailà lallà ei hooo ei hooooo…..

    Leuco: in effetti ricordo poccolissimi brandelli. Provo, fosse mai la soluzione a portata di mano, che non colgo?😉

    Monachella: un evergreen

    Pam, beh ma che figata!! (sebbene non abbia un ricordo così idilliaco della crociera) ^__^’

    Zaube benritrovata. Lo so che ci sono lo stesso…è che per me era un’altra parte consistente della vita. Non so come dire…uhm…adesso che ci sono solo a piccoli flash mi sembra d’aver perso sostanza.

  10. ahh non parliamo di sogni….non li ho ricordati per anni, solo ora che sono in analisi mi affiora qualcosa, e consistono in: casa nella quale entra il mare, casa senza soffitto e con pavimento inclinato, necessità di nuotare in mare aperto senza riuscirci, cadaveri sparsi, biechi individui che mi minacciano, tragitti in triciclo contromano al buio in autostrada, nell’ultimo ero nel fango, tanto fango – la mia analista ha detto che il fango era buono, ci si poteva creare….
    comunque.
    continua a mordere e non demordere! vedrai che qualcosa salterà fuori…

  11. vabeh, dei miei sogni sai giá…
    io col figliolo grande sono stata per due anni insieme a lui, niente nido (ma un sacco di parchetto). Me lo sono goduto tantissimo, andavamo al mercato insieme e lui era il divo di fruttaroli, macellai, fornai, pizzicaroli… con la piccola invece, a tredici mesi al nido e te saluto… un po’ m’é dispiaciuto…

  12. Bella la mia strega mahori!!!🙂 eh eh, tu sì che dai la carica di prima mattina!!!!

  13. è giusto tornare ad essere donna, ma penso che sia ancora più giusto godere di tutti quegli istanti che ti fanno sentire ”un po’ più mamma”.
    io ricordo con affetto i momenti passati con lei..anche quand è tornata al lavoro! la ringrazio per tutto quello che non mi ha mai fatto mancare (anche se lei non lo sa) 😉

  14. …diglielo, Farnocchietta. Diglielo.

  15. Goditi la tua bimba e intanto ti faccio un grosso in bocca al lupo perchè tu possa trovare al più presto un buon posto di lavoro! un abbraccio!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...