Incartata

Assetata dall’urgenza di un lieto fine, sto.

Atterrita da questa ripetizione avuta in sorte, sto.

Atterrata tra un 7 di denari ed una figura, sto, stringendo una ragionevole ipotesi vincente.

Ma quei giochi, davvero, si fanno solo a Natale, quando si riveste la tavola del panno verde, rivoltando il mollettone, le molliche, i resti di mandarino, gli incarti dorati.

E diciamolo, invece qui pare ci si avvicini alla Primavera.

Mi rassegno ad attendere mesi.

E sto.

22 commenti

Archiviato in mi salta in mente

22 risposte a “Incartata

  1. bitunicode

    la matta!!!
    qui ci vuole la matta!!

  2. Zdora: mi rendo conto d’essere un po’ monocorde…uhmmm… ‘datemi’ tempo.

    Bit, m’hai fatto sga-na-scia-re. Urge aperitivo. 🙂

  3. michi, non mi piaci per niente in questo periodo…

    e, per sottolineare, ora che ho messo in stampa ci sarebbe quasi il tempo per lamentarmi…quasi quasi…😉

  4. Quoto Mantiduzza…
    Mesi Dio caro?
    Ma non si potrebbe definire un po’ prima questo stato di stazione?
    Resisti che l’ipotesi ragionevole ci ha di bello che è ragionevole.

  5. non attendere mesi…
    …vivili!!!
    Poi a Natale mettiamo il panno verde e giochiamo,
    per adesso incartiamo l’attesa!!!🙂

  6. sofficipensieri

    No, no… farti intrappolare in un gioco il cui esito non dipende da te, ma da quanto farà il banco? Non è da te… E poi, il sette e mezzo si dichiara, o sbaglio? Giocale subito le tue carte, e poi via, verso giochi più adatti all’incombente stagione…

  7. attendere mesi? e uffa però sei criptica eh. lavoro? fratellini? boh? eddai che io sono curiosa….

  8. macu

    Ma sei di massa marittima? io conoscevo un certo michelini…😀

  9. Mantiduzza, almeno pigli il mio posto, dai!

    Zaub: ragionevole…ma quella in famiglia non era mia sorella? Uhmpf.😉

    Barbie, esattamente il punto della questione. Io vorrei viverli, mica subirli.

    Sofficetta, mi sa che l’elioterapia aiuterà.

    AP: daje co’ ‘sti fratelliniiiii! (però…in fondo..)

    Tania: ce ne vuole prima che mi arrenda,. Però l’attesa non fa sempre rima con ‘resa’.

    Macu: hehehe, beh, ci sono stata in vacanza…fa uguale?😀

  10. buongiorno michelina,
    vuoi cominciare a scartare il cioccolatino che ti ho portato???😛

  11. scartare?? Me lo so’ pappato!😀

  12. Che vuol dire “fratellini.. però.. in fondo..”
    ok, lo so che vuol dire.
    ma..
    e vabbè. Tanto il ma lo conosci anche te.
    ….
    mpf mpf.
    mi spiace michelì, tira su il moccio dai, ho un fazzolettino colorato e profumato.
    e il cioccolatino di barbie è una grande idea.🙂

  13. Aureolina, confido nella primavera, ovvìa!

  14. Toc Toc
    è permesso?
    Sono il lieto fine!

    PS non mi/ci piace sentirti così giù, per fortuna c’è Puzzolilla
    (10 100 1000 Puzzolille!!!!!)

  15. Grande Mari!
    Ma dov’è che stai, che ti vengo a fare le poste sotto case e ti offro un caffè/tè/tamarindoooo?🙂

  16. un caffè, grazie. A Cosenza, please
    baci

  17. Scrivi musicando i pensieri. Mi piace la nitidezza della sintesi, nel tuo scrivere. E lo ‘sto’ rafforzato dall’ombrello po’sto’ a terra è la soluzione perfetta. Aspettando i tuoi post…sto!

  18. Veronica benvenuta e ti ringrazio davvero.
    La sintesi non è sempre necessaria ed è bello indugiare su alcuni lunghi scritti. Proprio come ho fatto poco fa, da te.
    Ti aspetto.

  19. uhm….
    …mentre aspetti, il lungo Po in primavera é uno spettacolo…
    Vedi tu😉

    (p.s. mica per altro eh, ma Roma solo col gran sole per me…e quest’anno non me la salto!!!)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...