certe cose non cambiano

Io comprendo che questa che sto per dare è una notizia del tutto irrilevante, ma qui c’è da interiorizzare un concetto fondamentale: l’impiegato medio si aggrappa a quelle poche certezze che ha dalla sua vita 09,00 – 18,00.

La perdita del mio cappuccinificio di fiducia, causa trasloco uffici, ha rappresentato un lutto che nella scala dei colletti bianchi sta almeno nella top-3.

Ebbene,

oggi, a quel Bar dell’angolo che schifavo un po’ causa essere un po’ troppo trendyno, ho ricevuto ‘sto dono dal cielo: un altro cappuccino degno di nota, con tanto di schiuma q.b. e spolverata di cacao on top.

A me, per essere un pochino più felice, questo aiuta.

🙂

19 commenti

Archiviato in "ma ci dica qualcosa di lei", Lavoro, Quotidianità?, Salute e benessere, Scemitudine

19 risposte a “certe cose non cambiano

  1. porca pupazzola se non è irrilevante!! quando abitavo nella mia città natale andavo a far colazione nel bar, lontano casa, dove c’era il cappuccino top, lo faceva un anziano signore tutto ingobbito.. poi ho cominciato a fare la nomade e nonostante abiti nella “nuova” città già da 7 anni, ecco, quel cappuccino mi manca

  2. Proprio proprio volendo filosofeggiare…. ma pontendo scegliere fra una giornata più che perfetta rovinata da un cappuccino senza schiuma e fra una giornata terribile rinfrancata da un cappuccino perfetto?

  3. Il cappuccino è democratico trasversale, come l’aspirina fa bene a tutti! alli privati e alli statali all’operai e alli dirigenti. E’ una panacea, un elisir fondamentale.
    Una cosa che migliora la qualità della produzione. Brunetta anzichè osteggiarlo dovrebbe garantirlo colli buoni pasto.
    E anche colla faccina sopra eh.
    🙂

  4. Solo “un pochino”?

    Ma un buon cappuccino alla mattina (magari con una bel cornetto fragrante di contorno) è fondamentale per iniziare la giornata ammodino!!!

    —Alex

  5. ma non mi dire che te lo fa con il muso dell’orsetto!!!!! no, perchè sarebbe da venirci apposta🙂

  6. e come no! il caffè / cappuccino / cornetto rappresenta uno dei riti urbani (e romani) al quale si rinuncia difficilmente e guai a stravolgerlo cambiando bar.
    Ti dico che dopo due giorni a Milano, la prima cosa che ho cercato a Roma è stato un caffè come si deve🙂

  7. Vale, il ricordo poi, condisce tutto con quel ‘non so che’….

    Lavi: ad esempio anche oggi mica sarebbe stato male fermarsi.

    Perla: per antonomasia il cappuccino lo prendi per colazione, quindi diciamo che preferisco dare una svolta ad una giornata iniziata male con un ottimo di-cui-sopra, piuttosto che rovinarmene una che era iniziata bene!😉

    Gatto: viva! (ricordo la versione cappuccino d’orzo e quella de-cappuccino di quando ero incinta anche io…)

    Zaub: se poi la faccina è a forma di orsetto…o per ricordare Brunetta serve un piccolo gremlin?

    Alex, sei dei nostri!

    Animuccia: ebbene no, quello l’ho trovato su internet, ma mi sa che è la faccia che facevo io, mentre lo sorseggiavo l’altra mattina!

    Michelangelo: ciao! E a Roma ce ne sono, di Bar che lo fanno buono!

  8. missminnie

    sono cose che aiutano a vivere, che danno il senso di appartenere ad un luogo :)….sorridiamo, alle piccole cose buone…

  9. Siccome qua il cappuccino non sanno dove “abita”, mi accontento del caffé, dal barista do coração. E quando sono in vena di dolcezza ci aggiungo il pastel de nata, che qua lo sanno tutti, la morte sua é col caffé🙂
    Viva le piccole buone cose!

  10. iiih Tinuccia, ma che cosa è il pastel de nata?? Suona buono!

    Minnie darling, eppoi il baffo di schiuma è così chic!😉

  11. Michelina cara, il pastel de nata é lussuria in forma di dolcetto. Base di sfoglia croccante, ma sciglievole, che racchiude una soffice crema. Quelli di Belém (http://www.pasteisdebelem.pt/) sono i piú noti: gente a me vicina (il mio compagno e mio fratello piú giovane!) so’ capaci di farne fuori 6 in pochi minuti, caldi, caldi.

  12. Micheluzza, hai tutta la mia comprensione e appoggio incondizionati, er cappuccino bono fa svoltare la giornata, nun ce so santi.

    p.s. me tapina, io me lo sogno la notte!

  13. tinuccia, ho visto il sito….sembrano davvero appetitose….glàm.

    Francesca: e sarebbe una gran cosa averne una tazza mentre si studia, eh?

  14. che carino l’orsacchiotto!!!
    Io nel mio bar-panificio della colazione dei giorni in cui son troppo in ritardo o rincretinita per farmela da sola…. ho dovuto dire, dopo che avevan mostrato gioia per il mio nuovo lavoro, che stavo per andarmene e cambiare città….per avvicinarmi al lavoro
    ci siamo trovati in tre con gli occhi lucidi
    io la barista e il panettiere
    mi mancheranno tantissimo!!!!😦

  15. è fondamentale un buon cappuccino per iniziare degnamente una giornata degna di questo nome…

  16. Eh,
    io bevo caffè macchiato freddo e forse queste cose non le posso capire…
    ma tu…
    hai….
    mangiato vivo quell’orsetto????

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...