percorsi

di solito uscivamo con papà.

Ma io avevo il bonus e capitava di fare la passeggiata con la sorellona. Una delle volte in cui mi sono portata dietro la tartaruga giocattolo con i piedini rossi io la ricordo. Ricordo anche il rumore che faceva, camminando tirata dal filo ritorto che mi rigiravo tra le dita. Diciamo pure che produceva “casino”, ma io ero felice e controllavo che procedesse alla giusta velocità, altrimenti si allungava il passo.

Negozi ce n’erano davvero una manciata e spazi verdi un po’ incolti, molti più di adesso. C’erano già una serie di case venute su un po’ alla rinfusa alla faccia del piano regolatore e dei condoni edilizi di là a venire. Chi avrebbe potuto immaginare che in una di quelle ci sarei finita io da adulta, con marito e figlia. Quale previsione avrebbe potuto convincermi che avrei acquistato la casa dove viveva il giocattolaio, tabaccaio, cartolaio e vari altri “aio” allora disponibile su piazza.

E adesso una delle mie tappe quotidiane è la “passeggiatina” con questa pupazza puzzettona che mi ritrovo. Lei ripercorre quelli che sono stati i miei percorsi e vede cose che la sua mamma vide da piccola.  Chissà che storia di famiglia che le toccherà.

E da tutto questo amarcord però, perchè mi deve proprio venire in mente che spero che per lei alcuni eventi prendano decisamente un’altra direzione?

Annunci

8 commenti

Archiviato in mi salta in mente

8 risposte a “percorsi

  1. Sospiro. Un po’ di nostalgia e un po’ dicendo speriamo, sì.

  2. spera pure, tanto non sente eeheheh!
    farà la sua strada da sola, poi in quanto figlia tua vorrà sbattere le corna da sola.
    baci.

  3. prenderà sicuramente strade sue, che saranno anche un pò tue..
    è bello leggere di bimbe piccine, riporta indietro nel tempo..

    buona serata michelina.

  4. Panettona

    ciao!
    ti ricordi di me???
    con un vergognosissimo ritardo voglio farti i miei auguri per la tua splendida Rachele …
    un’abbraccio a te ed alla piccola …

  5. mary6921

    E’ la domanda che ci si pone sempre di fronte a questi meravigliosi puppattoli puzzettoni! Anche i miei, come la tua, ripercorrono gli stessi identici percorsi che erano stati i miei alla loro età e anche io adesso mi ritrovo a sperare che, nonostante le stesse strade, il loro futuro sia decisamente diverso. Ovviamente migliore. Ovviamente.
    😉

    Un bacio alla puppattola puzzettona! (guarda caso stamattina la mia, mentre cercavo di svegliarla per portarla alla scuola materna, mi ha dedicato una puzzettona megagalattica proprio in faccia!!!!!!!)

  6. Accazu
    Tutti speriamo il meglio per i nostri cari, soprattutto se si tratta dei nostri figli (parlo in senso generale, naturalmente)…
    Sono certa che Rachele parte con una marcia in più: te come mamma.
    Con le tue esperienze, le tue batoste e tutto l’amore del mondo.
    🙂
    PS ora capisco dove sei quando provo a chiamarti a casa. Domani proverò anche sul cellulare…

  7. Frà

    Io mi ritrovo a vivere a 700 km di distanza da dove sono nata, dopo aver girato e rigirato durante la mia vita.
    Le passeggiatine che ci facciamo io e il mio pupo sono in una tranquilla zona tutta tempestata di verde e silenzio. E i desideri che nutro per lui sono di pace e serenità… core de mamma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...