Archivi del giorno: gennaio 17, 2008

Scandagliare

 Non dimenticate mai quanto la terra goda a sentire i vostri piedi nudi E quanto il vento abbia voglia di giocare con i vostri capelli Non sondate le profondità della conoscenza in voi con asta o scandaglio Perché il vostro io è infinito e sconfinato mare.

-“Il Profeta”, XVII: La conoscenza, e X: l’Abito / K.Gibran-

(Nasci dalle mie mani, giorno stanco. Adagia le ore nelle pieghe della pelle. Leggimi attento, sibilla e cartomante. Serpeggi lento cercando l’uscita, come me, come me. Oggi.)

19 commenti

Archiviato in mi salta in mente