Archivi del giorno: novembre 5, 2007

mai come oggi….

Questo oroscopo mi diverte. Che ci vogliamo fare? (vergine, dal 2 all’8 Novembre 07)

I proprietari di una ditta di autoricambi del South Carolina hanno mandato al Pentagono un conto di 998.798 dollari per aver spedito due rondelle da 19 centesimi a una base militare in Texas. La prossima settimana usa questo esempio per ricordarti di non pagare troppo neanche la cosa più importante. E per “pagare” non intendo solo sborsare soldi, ma anche gettare via la tua energia emotiva, dedicare attenzione o offrire aiuto. Fa in modo di ottenere il giusto in cambio del tuo contributo.

OOOHHHH!! LO VEDI?? Altro che venire i questo luogo di dolore con i giramenti di testa, la spossatezza ed altro…..

24 commenti

Archiviato in per bocca d'altri

magnate, suocere, castagne e pigrizia sul divano.

 

Non che il lunedì mattina non si abbia un alibi ormai consolidato che permetta d’andare un po’ a rilento…. ma oggi mi sembro la moviola di me stessa. 🙂  (poco male: il pc qui in ufficio è letargico più di me)

I quattro giorni di libertà vigilata si sono consumati in tentativi di beatificazione. Vo’ spiegando. Il primo di Novembre abbiamo optato per un po’ di sano autolesionismo, invitando a pranzo ENTRAMBE le madri-suocere. Già la mia genitrice vanta una notevole propensione all’inquinamento acustico, ma quella di mio marito ha…uhm… per così dire…una ventilazione CIRCOLARE che non richiede pause durante l’esternazione di qualsivoglia concetto. Anche dei più reiterati e noiosi. Evviva! Acclamerebbe Pippo Baudo.

Insomma: evitando simpatici siparietti che richiederebbero una lunghezza approssimativa di questo post pari a 269 righe e mezza,  arriviamo a metterci a tavola e la suocera -mia- si scorda abbastanza presto di fare quella che si sente tanto male e la suocera -del maritozzo, ovvero mia maTre- si scorda presto di fare le scene di quella che è uscita di casa “così com’era e oddio oddio avrei dovuto cambiarmi”. Ciò depone a favore del menù approntato, perchè si sa, a tavola se si sta bene, si scordano gli acciacchi e si mette su off la modalità “in punta di culo all day long”. E quindi via all’assaggio di formaggi pugliesi con miele e composte di frutta, per continuare con garganelli all’uovo, paglia e fieno, agli spinaci, scalogno e panna. Abbiamo continuato con il filetto di maialino alla crema di latte e marroni (profumato all’alloro) tralasciando l’insalata mista che tuttavia era pronta in frigo per concludere con coppette di pesche sciroppate, con panna montata e scagliette di cioccolata fondente.  Come sempre la suocera -mia- ha detto che non avrebbe mangiato. Come sempre, ha fatto il bis. 😀

Di pomeriggio, NON PAGHI, ci siamo scarrozzati la mia di madre, a IKEA e Leroy-Merlin. Ma che oriGGGinaloni!!! TUTTA ROMA E DINTORNI stava là, verso le ore 17.30. Nun ce provate, c’eravate pure voi, v’ho visto, che ve credete? Il risultato è stato parco e lungimirante: una pianta da mettere sul pianerottolo, un portavaso, un dispenser nuovo per il bagno che il vecchio s’è rotto e una teglia per muffin…che signora mia ce facevo l’ammooore da mesi, eh!! (quindi tra poco ve beccate er post culinario a tema).

La sera è il momento dell’accascio. Senza possibilità di scampo mi spennacchio come una gerbera che piega il gambo e si spètala e cado addormentata fino a che un -per me innaturale- istinto a fare la pipì mi riporta ai miei doveri da gestante.

Mi è venuto in mente che sull’ars oratoria di mia suocera potrei fare un post a parte…. anzi, direi che è quasi un dovere morale.

Sul resto del week end magari mi dilungherò poi, che mo’ mi vado ad assumere la mia dose di caffeina quotidiana concessa.

Voi tutto bene, siiii?

32 commenti

Archiviato in Senza Categoria