Archivi del giorno: settembre 20, 2007

such a sciroccated day (sottotitolo: seconda sera di prove)

la mia gatta nera è impazzita. Ma i gatti neri so’ così, pare l’alto voltaggio non serva se non a garantire l’effetto “con-ammorbidente”.

Due persone incrociandomi si sono messe a canticchiare canzoncine che rassomigliavano terribilmente a jingle idioti di spot di prodotti per la prima colazione della famiglia felice.

Ho spalancato la finestra della camera da letto ed un rigurgito di “Fiesta!” prorompe da fuori  e io mi chiedo chi cappero sia che balli salsa in balcone, di giovedì, alle 20.55.

Mi domando a più riprese “perchè, ma perchèèèè”, ma non mi faccio alcuna pena e quindi nemmeno mi rispondo.

Ho voglia di paella valenciana, quella col nero di seppia però, ma non c’ho nemmeno quella scamuffa della Findus in frigo.

Tra poco vado a fa’ le gare (in romano se dice “a piottà”) sul raccordo anulare con la mia Ka, per arrivare dall’altra parte di Roma.

Ma là, se permetti, ah si, là…

Ci vado per cantare IO!

Annunci

17 commenti

Archiviato in Scemitudine

Prossima Stazione

E’ la mia manica arrotolata che devi guardare.

Il “buon lavoro” che voglio fare.

L’intenzione scivola liquida sui binari dritti di quel treno che ci piacerebbe prendere: freddo fuori, noi dentro come cuore fondente.

Finalmente correrebbero anche le parole che lascio stese alla promessa del sole. Le tengo salde sai? Che hanno il loro bel peso.

25 commenti

Archiviato in Senza Categoria