arcobaleni e finesettimana

Si andava ogni tanto, nel week-end. Ci si imboscava con gli amici che ti "introducevano" oppure, cercando di fregare il buttafuori, dando la mano alla tua amica e facendole gli occhi dolci. Ma quello non ci cascava mai… alzava il sopracciglio disegnato e facendo luccicare il bicipite muscoloso e lucido di olio per il corpo, alzava il cordone e chiedeva, quasi rassegnato: "F., loro due stanno con te, amore?" e si entrava all’Alibi.

Due piani dove ballare scatenandosi e dove noi eterosessuali non temevamo che qualche ragazzo ci  venisse a rompere le scatole. All’epoca la maggioranza erano uomini e le poche donne erano talmente "connotate" da riconoscersi facilmente e da capire che noi non eravamo prede papabili, ma solo le famose "amiche di…" o le altre, quelle che appartengono alla schiera delle "finte fidanzate di copertura", amiche del cuore di coloro i quali non hanno ancora (o non avranno mai) avuto il coraggio di dirlo a casa e agli amici.

Me lo ricordo come un mondo giocoso e colorato, pieno di esseri umani improbabili, che però da là, ho cominciato a conoscere meglio e ad apprezzare contro ogni preconcetto indotto da terzi, stereotipo e umano dubbio.

Non so domani cosa dovrò fare, in verità il sabato è un giorno davvero pieno, per me, di tutto quello che non sono riuscita a combinare durante la settimana di lavoro, ma stavolta mi piacerebbe esserci, per dare solidarietà a chi vorrebbe avere la possibilità di avere i "nostri" stessi doveri, oltre che a reclamare i propri diritti.

Questa io, la chiamo civiltà.5922arainbow

Annunci

8 commenti

Archiviato in Attualità

8 risposte a “arcobaleni e finesettimana

  1. un saluto di mille colori, streghina, sarà un buon sabato..si scenderà dal letto col piede giusto, si farà quel che si può, per una giusta causa…
    condivido e sottoscrivo 😉
    Mayra G Louis

  2. mi sa che ci vado…inizia alle 16.00 da piazzale ostiense… si si, mi sa che vado.

  3. GC

    Io dell’Alibi mi ricordo di una festa organizzata li per sbaglio (storia lunga) dalla mia associazione studentesca nel corso della quale un colosso muscoloso e glabro ovunque praticamente mi chiuse in un angolo dicendomi, con voce suadente assolutamente non rispondente alla corporatura “Ciao, mi chiamo Gianfranco, ma tu puoi chiamarmi Gianfri”.

    Al che una mia amica mossa a pietà mi venne a prendere al grido di “Ecco dove sei, amore mio, ti cercavo da un po’”…

    Però la musica era antastica ed oggettivamente, incidente a parte, ci si divertì tanto 🙂

  4. Michela io non ci sono andata perchè èvenuto da me! Ner senzo che è partito da casa mia:)

    Na soddisfazione, nartro po’ c’erano più eterosessuali che mono:) coppie, famiglie co prole, na bellezza!

  5. Il mio week end ne ho viste di tutti i colori, comunque sia si ricomincia.
    Buona settimana.

  6. E’ stata una bella manifestazione. Io l’ho seguita fino a poco dopo il Colosseo. Purtroppo, mi diceva un amico, in piazza san giovanni un manipolo di cretini ha rovinato tutta l’atmosfera calcando sui toni e dando fondo a volgarità gratuite. Peccato, per davvero.

  7. Ale ( http://ilmioglobo.blog.kataweb.it)

    Il mondo dovrebbe essere sempre cosi’..colorato!!
    Senza pregiudizi ne barriere..la tolleranza..il cuore e l’anima non hanno sesso..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...