sala d’aspetto

Il tempo che va perduto è fatto di piccoli passi.

Di ghiaia arata da scarpe a punta, di pali sottili dietro cui cercare l’ombra.

L’attesa necessaria è fatta di porte chiuse.

Figure smerigliate di vetri con le facce, maniglie immobili sotto dita pesanti.

L’arrivo incosciente è fatto d’ossigeno di troppo.

Di corsa in salita, la luce negli occhi. Contorni, i tuoi, a ritrovare aria.

Annunci

4 commenti

Archiviato in un'accettata

4 risposte a “sala d’aspetto

  1. L’attesa necessaria è fatta di porte chiuse. Oh, Michelina telepatica, so che riguarda altri luoghi e altre persone, ma in questo momento mi pare tu mi legga dentro. Un abbraccio

  2. Emma che per me è piccola.
    Emmina che vorrei tenere in un abbraccio e sollevare in alto.
    “Cerco me” che ho visitato proprio oggi, prima che i suoi segni belli (anche nello scuro dell’attesa) decorassero la pagina virtuale.

    La telepatia spesso non è un caso.

  3. gran bel posto, posso aspettare con voi? 🙂

  4. ‘giorno Cri. The Super One.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...