Archivi del giorno: maggio 29, 2007

sala d’aspetto

Il tempo che va perduto è fatto di piccoli passi.

Di ghiaia arata da scarpe a punta, di pali sottili dietro cui cercare l’ombra.

L’attesa necessaria è fatta di porte chiuse.

Figure smerigliate di vetri con le facce, maniglie immobili sotto dita pesanti.

L’arrivo incosciente è fatto d’ossigeno di troppo.

Di corsa in salita, la luce negli occhi. Contorni, i tuoi, a ritrovare aria.

Annunci

4 commenti

Archiviato in un'accettata

…………………….

Piove. Mi sono bagnata esattamente dove dà più fastidio, mentre facevo la passeggera sulla moto del marito, nervosissimo. Il caffè mi ha fatto male e mi brucia lo stomaco. Ieri sera, a cena dalla suocera, secondo me c’era dell’aglio da qualche parte e la mia intolleranza allo spicchietto malefico ha colpito.

Oggi con tutta probabilità mi dovrò sorbettare una signora ricca ed annoiata che si vuole improvvisare qualcosa che non è, lavorativamente parlando e sta pagando questa sua velleità fior di soldini, idea che tintinna nella sua testolina (elegantissima) come uno dei ciondoli gemmati che porta. Starry_witch_s_hut_by_yagak

Outlook rilascia suonini di posta in arrivo, ma io so già chi si palesa e manco mi va di buttare l’occhio. The same old story it’s not enough.

I miei colleghi "a termine" stanno agli sgoccioli del loro contratto e tra poco potrò sperimentare  cosa si provi ad essere nella valle dell’eco, stando comodamente seduta in ufficio.

Kataweb si è ri-bloccato e non mostra più i blog recentemente aggiornati.

Non ho praticamente più soldi sul conto.

E last but not least, ho trovato una mail stamattina, ma non di quelle che mi fanno respirare meglio.

31 commenti

Archiviato in Quotidianità?