Archivi del giorno: Mag 3, 2007

diamo un nome alle cose!

Tags_2Nella mia famiglia, abbiamo tutti quanti sempre avuto una peculiare attitudine nel cambiare i nomi delle cose. Il loro verso, il loro uso. Forse comunemente allergici ai libretti di istruzioni, ai foglietti dimostrativi ed ai disegnini all’interno degli ovetti kinder, ciascuno a modo suo, s’è un po’ tutti manifestato il proprio ingegno o una certa vis creativa ora qui, ora là.

In ordine sparso:

Nella casa di campagna, hanno regnato colonie feline da che io ne abbia memoria, ora di ragguardevole numero, ora di pochi sparuti e spelacchiati soggetti. Più o meno a seconda del grado di istinto suicida di quelli finiti sotto le macchine o degli altri andati in cerca di femmine pe’ campi e mai più tornati. Si narra anche di truculente storie di gatti&cani grugno a grugno e forse da qui posso iniziare a spiegare. Ad ogni cucciolata, ovviamente, ciascun gattino veniva battezzato con nomi più o meno degni di essere urlati come richiamo all’ora della pappa… e quindi avevamo una serie di mici che corrispondevano ad altrettanti: Camilla, Fulmine, Stellina ecc ecc ecc….

Poi arrivava mia cugina.

La suddetta "Camilla" fu presto ri-etichettata come "Strunzi" (riprendendo il discorso di sopra: leggende narrano di Strunzi artigliata alla groppa di un cane, sibilante e soffiante che galoppava col suo destriero per tutto il giardino in difesa dei suoi cuccioli), tanto inafferrabile e stranita quanto nera; "Fulmine" diventò "Maiale" , e non poteva essere altrimenti perchè pesava 115 chili senza scarpe e "Stellina" si tramutò in "AlfonZina", ma qui il motivo mi è un po’ oscuro…credo fosse solo dispregiativo perchè la piccina non splendeva per bellezza… per dovere di cronaca dovrei citare una "Rosticcia" di cui non ho mai saputo il nome originario e la mia preferita "Peppinella", il cui vero appellativo ho rimosso subito, capito l’andazzo.

Stessa sorte toccava spesso ai giocattoli: mia sorella aveva delle cucinine…una specie di parete attrezzata con pensili, fuochi, armadietti ecc ecc. Non stavano mai nel loro verso: rivoltate diventavano altro: una casetta con gli armadi, un negozio, altro ancora…

…e le ricette? Mai seguita una così come sta scritta sui libri. E se il nome di un ingrediente non rimandava a nulla di edibile? Lo sostituiva, per assonanza o per simpatia, con qualcos’altro.

Però, di mio, raggiunsi l’acme della mutazione con una imitazione assolutamente NON corrispondente alla realtà che venne affibbiata all’ignaro ex della sorella…trattavasi di straniero-di-Germania, il quale parlava svelto e garbato…. adesso io davvero non ricordo la genesi della cosa, che mi portò ad allungare, un giorno, la cornetta verso mia sorella dicendole "è per te, è J. che ti vuole al telefonoooo"… questo uscì con un tono tra quello che faceva il ventriloquo con la cornacchia "Rockfeller" (ricordate??) e la bambina de "L’Esorcista". Beh, da quel momento in poi, fu la connotazione del tipo…mai più lontana dalla realtà.

Ma poi spesso, della Realtà, ma CHISSENEFREGA?

10 commenti

Archiviato in "ma ci dica qualcosa di lei"

Ciao.

_hello__by_lp_dream Download 05_i_wont_be_lost.mp3

4 commenti

Archiviato in mi salta in mente