ruote quadrate

Ci sono giorni da traghettare. Si annunciano pesanti e carichi come una chiatta.

Non sei triste né davvero stanco, in verità.

Ti accompagni all’ineluttabilità di un dovere e guardi l’altra riva impedendoti addirittura di aggrottare le sopracciglia.

Ma queste ore che si srotolano davanti sono fatte di iuta marrone, nessun tappeto rosso, nemmeno in caso di vincite o premiazioni. E allora aiuterebbe una 24 ore di decisioni e movimenti fatti da altri per te: essere portata. Questo manca.

Al mattino io chiuderò gli occhi e li riaprirò a destinazione, al ristorante ordinerai tu per entrambi, al bar deciderai tu quanti cucchiaini di zucchero nel caffè, a casa quanta pasta nell’acqua bollente, quanto parmigiano sugli spaghetti, se accendere il riscaldamento. Risponderai tu al telefono, raddrizzerai il quadro, posticiperai impuntature inutili.

…decisioni e movimenti fatti da altri per te: essere portata, una volta ed una volta sola. Ma questo, manca.

Wheelbarrows_by_songofsurrender2

Annunci

10 commenti

Archiviato in Quotidianità?

10 risposte a “ruote quadrate

  1. Uuuu, guarda sorellina cosa ho scritto oggi da me! Che stiamo passando sotto le stesse congiunzioni astrali?
    Ti ordino un cappuccino.

  2. come hai ragione, michela! pure a me, ogni tanto, piacerebbe assai…

  3. UUUUUUUh Michela come ti capisco nell’intimissimo intimo! Epperò, ti dirò, per farsi occorre chiedere. Fai na sonata de clacson ar motociclista gentiluomo

  4. …e non é roba che si chiede…

  5. mi sa che qua scatta il club delle trasportande. Qualcuno che mi trasporti alla riunione dei genitori all’asilo e che ascolti al mio posto? qualcuno che impani e frigga le cotolette per la cena? qualcuno che mi rimbocchi la copertina bella tesa sotto il mento e mi lasci la camomilla accanto?

  6. hai saputo spiegare molto bene questa sensazione, che quando prende è perchè forse abbiamo già trasportato troppo. elle le cariole colorate appoggiate al muro.
    A proposito di colori, oggi ho comprato i coloranti alimentari per la prossima idea in cucina. Baci Michela e tanti sorrisi

  7. Evvai col clubbino.
    Certo è, che ci piacerebbe assaje che ci fosse qualcuno che senza doverlo chiedere, solo perchè ti conosce e ti ascolta per davvero, fosse in grado di dirci: siedi, ci penso io, oggi.
    Accetto il cappuccino;
    attendo la prossima favolosa ricetta di Francesca;
    preparo una camomillina italiana per colei che sta a København;
    Faccio posto alle altre che ne avrebbero bisogno;
    …tanto c’è ‘na chiatta! Avoja a trasportà!

  8. Accazu… Non posso offrirti troppo in questa fase di trasloco…
    Ma sai che qui (o altrove) ci saranno per te caffè già zuccherati (con zucchero di canna, se la memoria non mi inganna), spaghetti già formaggiati e telefoni staccati.
    Un abbraccio…

  9. bacetto a Lolò mmmiiiia!

  10. inizio a pensare che sia qlcs di imprescindibile dall’essere donna!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...