Preparare con cura

Questo post necessita di una prefazione e di qualche dettaglio in più

Spiego: Il "minestrone", solitamente, non è uno di quei piatti per cui vedi la gente rotolarsi a terra gridando "Ancooora AncOOOra!!". Ma avrei una mia teoria. Ci sono una serie di pietanze che hanno bisogno di un qualcosa che non puoi trovare scritto nei libri di cucina, che non si può misurare in grammi, in centilitri, in scelta del contenitore in cui cuocere i prodotti. E’ la "cura" nello scegliere gli ingredienti migliori, nel seguire la preparazione, la cottura, il consumo, il vero ingrediente segreto. Ecco, per il mio minestrone questo serve…Tagliare le verdure a piccoli pezzi, aggiungerle man mano a seconda del loro tempi di cottura, mescolare a cadenza fissa con un mestolo di legno, lasciare il fuoco basso, così che il tempo lentamente lasci che i sapori si mescolino armoniosamente, che formino una crema, che diventino un arcobaleno di sapori. L’ultimo dettaglio, poi, é importantissimo: lasciar riposare il piatto per poi mangiarlo la sera successiva alla preparazione.

Ed è così che ho "convertito" (e lo dico manifestando tutto il mio orgoglio) davvero tante persone al minestrone. Facendo provare che sapore possa avere l’amore. Quello che metto nelle cose che cucino per le persone care, per veder sorridere gli occhi e la pancia.

A voi:

Minestrone di verdure x 3-4 persone ingredienti: un bel pezzo di sedano da lasciare intero, una cipolla tritata finemente, uno spicchio d’aglio, due carote non troppo grandi, un pomodoro rosso maturo (o alcuni di quelli piccini) due patate di media grandezza, due zucchine, fagiolini, spinaci (se usate quelli surgelati a cubetti, calcolatene due), fagioli borlotti in barattolo, pisellini, prezzemolo tritato, basilico fresco se di stagione, sale + un pizzico di pepe, un dado da brodo, un pezzo di scorza di parmigiano, un tuorlo d’uovo, olio.Minestrone

Versare l’olio (circa 5 cucchiai) in una casseruola, lasciarlo scaldare e quindi far soffriggere l’aglio, la cipolla tritata, il pezzo di sedano ed una delle due carote tagliata a piccoli cubettini. Dopo una decina di secondi aggiungere anche il pomodoro e lasciar cuocere un paio di minuti, rimestando il tutto con il cucchiaio di legno. Dopo ciò, aggiungere l’acqua e, via via, gli ingredienti a seconda del loro tempo di cottura. I Fagioli e le patate sono gli elementi che creano la "cremina" e quindi comunque devono essere inseriti non troppo il là. Lasciar cuocere il tutto per un paio d’ore almeno, a fuoco basso, quindi spegnere il fuoco ed eliminare il sedano intero. Il minestrone verrà consumato, caldo, il giorno dopo, con una bella spolverata di parmigiano reggiano!

Annunci

10 commenti

Archiviato in c'è post in cucina?

10 risposte a “Preparare con cura

  1. Anche il minestrone, insieme al pesce spada, è un mio classico. Io: prendere busta surgelata di minestrone, metterla nella pentola a pressione, dimenticarsene fino al fischio, calcolare 3 minuti ed è pronta la cena.
    E dopo questo, lo so che non verrai mai a cena a casa mia…

  2. GC

    Premesso che il minestrone, quando è cremoso e non tipo “zuppa”, è buonissimo…

    “Dopo ciò, aggiungere l’acqua e, via via, gli ingredienti a seconda del loro tempo di cottura.”

    E cioè??? Sembra tipo “sale quanto basta”… quanto basta a chi? 🙂 Seriamente, da totale illetterato culinario he però vuole imparare (ed ha una ragazza vegetariana)… cosa va per primo e quanto prima?

    G

  3. Hai ragione, GC…
    prima di solito io metto: carote patate, poi dopo un po’le zucchine e gli spinaci e quindi gli altri ingredienti. Per i fagioli (o i ceci, ad esempio) il discorso è: se usi quelli in barattolo, il problema è che si “spappolano” letteralmente….ma no puoi metterli troppo tardi perchè altrimenti non fanno la suddetta cremina… quindi non so…l’alchimista che dice?

    😉

    In uno dei prossimi post metterò una variante delle melanzane alla parmigiana. Ottime per i vegetariani e, quelle, anche per chi è a dieta.

    Grazie del passaggio!

  4. il passaggio sul mio blog… “d’essere passato sul mio blog”

    …come mai il tuo è in inglese??!

  5. GC

    Per casi della vita, la maggioranza dei miei amici (senza parlare della vegetariana) non sono italiani e visto che il blog serve soprattutto per tenerli aggiornati…

    No, non è vero, è un sano esercizio di narcisismo, ma la scusa dell’aggiornamento è buona 🙂 Però è vero che la maggior parte degli amici parlano inglese ed inoltre è un discreto esercizio dover scrivere qualcosa ogni giorno o due…

    Ciao,

    G

  6. GC

    Provato nel fine settimana. La cremina non mi è venuta, ma il piatto è stato comunque un successo. Se non fosse che in Germania tutto va a confezioni da un chilo (due? carote? Comprarne un chilo. Due zucchine? Un chilo e così via…), costo totale del minestrone 25€…

    Ma gli occhi della mia ragazza vegetariana mentre mangiava… senza prezzo 🙂

    Grazie,

    G

  7. Prego my dear, prego…a breve l’altra ricetta…veloce e gustosissima.

    Baci vegetariani ad entrambi.

  8. …Da cuoca appassionata e sfegatata, passo di qui per condividere oltre la ricetta, sulla modalità…la cura è l’ingrediente indispensabile!

  9. Ma la foto del tuo minestrone è bellissima!!!!!!
    Grrrrr!!!!
    ;-))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...