Archivi del giorno: settembre 22, 2006

>>>>>>>>>>andiamo!

Timetogo è ora di andare?

ore 19.38 di sabato. E’ tutto il giorno che vado e sto ancora ferma allo stesso punto.

…E domenica "mi riposai" anche io??

Lunedì mi auto-risponderò. Se non lo farà prima qualcun altro.

Attendiamo.

Annunci

2 commenti

Archiviato in mi salta in mente

impossibile senza

Senza loro: i miei gatti.

  Leaning1 Musetto_che_sbuca  Tabatha_springSerafino_leoncinoDsc00508_1

9 commenti

Archiviato in "ma ci dica qualcosa di lei"

un laccio di raso non potrà mai essere davvero stretto

Dei 4 anni di danza classica mi rimangono: i piedi a papera, le foto col tutù (e relativi costumi di scena dei saggi, da qualche parte nei meandri degli armadi) qualche postura alla manico di scopa, dritta come un fuso e troppo impettita, le scarpette da punta col loro raso rosa tutto logoro ed i segni della fatica. Red_ballet_shoes

Si perchè ci si inebria anche a 12 anni, quando sei alla sbarra ed il maestro (dal vivo, al pianoforte) suona per te, per farti ballare. Petto e spalle in fuori, schiena dritta, pancia in dentro e sguardo fiero. Rigore che non deve perdere la grazia di una mano flessuosa che disegna movimenti nell’aria ed accompagna il ritmo addolcendolo. Ed è là che ti può capitare di concentrarti così intensamente, di essere così parte dell’esercizio, di non avvisare più dolori o fatiche, di non accorgerti che l’ovatta (che si mette tra il piede e la punta di gesso, per quando si va sulle punte) si sta spostando, che il piede sta sanguinando, che fa male. Sparisce tutto e rimani tu, al centro di quello che stai facendo, al centro delle note del pianoforte e della perfezione che tendi a raggiungere, impiegando il tuo corpo come lo strumento disciplinato dalla armonia della danza.

E’ questo uno dei (pochi, per grande fortuna) rimpianti della mia vita. Aver lasciato tutto questo, per inesperienza, per disinteresse di chi avrebbe dovuto guidarmi, per altre evenienze della vita.

Aver lasciato alle spalle qualcosa che mi portava più in alto, sulle punte.

12 commenti

Archiviato in "ma ci dica qualcosa di lei"

altro inizio

Oggi ho iniziato un nuovo libro "Non ci sono solo le arance" di  Jeanette Winterson, consigliato sul sito di Rapida.

Vi saprò dire.

*****

Letto. Credo che posterò alcuni passi del libro.

Lascia un commento

Archiviato in mi salta in mente